barry lyndon

anche se sono un’inguaribile sonnambula, da ormai 15 anni ho difficoltà a vedere i film dopo le 22… che siano al cinema o in tv, che siano belli o brutti… forse mi rilasso troppo e tac dal film sullo schermo inizio una trama parallela nei miei sogni. da quell’incipit costruisco una nuova sceneggiatura che, ahimè, al mattino ricordo sempre vagamente. una volta ho addirittura sognato l’intera trama de i predatori dell’arca perduta con un tipo che frequentavo all’epoca nei panni, letteralmente, di harrison ford.  ci sono, poi, film che mi fanno fare bei sogni, come quelli della saga di star wars. li vedo semmai al pomeriggio e so già che quella notte mi troverò con obi-wan o han solo in qualche mondo parallelo con una spada laser in mano. non c’è forse persona o personaggio al mondo più ricorrente nei miei sogni di anakin skywalker. eppure… dopo le 22 posso addormentarmi anche con la saga delle saghe perché so che a breve i miei beniamini verranno a farmi visita nel sonno. c’è ad oggi un solo film che riesco a vedere a notte fonda a qualsiasi ora restando sveglia fino ai titoli di coda ed è barry lyndon.

sév

il tempo delle mele

non mi sono mai piaciute le mele, neanche da bambina. non ho mai saputo tagliarle in quattro parti, togliere il torsolo e poi sbucciarle. non mi piace l’odore, troppo intenso, la consistenza, che ricorda quella di una patata cruda, e neanche la sensazione che danno sotto al palato. mi sembra di masticare carta. perché le patate in francese si chiamano “mele di terra”? un motivo ci sarà! sicuramente nel corso degli anni mi avrà influenzato tutto quell’immaginario culturale legato a questo frutto: adamo ed eva venivano cacciati dal paradiso terrestre, biancaneve moriva avvelenata, guglielmo tell rischiava di ammazzare suo figlio… e tutto questo per colpa di una mela rossa, mai renetta, mai golden, ma sempre rossa! e persino quel genio di isaac newton quella benedetta mela l’ha presa dritta in testa. per non parlare del povero paride… una mela dorata in cambio di una… guerra di 10 anni. ripeto, non mi sono mai piaciute le mele e prima di stamattina non mi sarei mai sognata di provare quelle mozzicate da altri. da oggi ho iniziato a usare il mac!

séverine